Pushdown

In tanti ad oggi quando si avvicinando al mondo della palestra si chiedono cosa sia il pushdown. Quest’ultimo non è altro che uno dei migliori esercizi di isolamento per poter stimolare in maniera significativa il muscolo tricipite brachiale. Andiamo a scoprirne di più.

Esecuzione corretta del pushdown

La tradizionale esecuzione corretta dell’esercizio pushdown prevede il movimento monoarticolare che prevede l’estensione del gomito nella fase chiamata concentrica. Chi sta svolgendo l’esercizio deve mettersi al di sotto della poliercolina cercando di tenere le braccia il più strette possibili ai fianchi, impugnando per bene la barra o corda spingendo il tutto verso giù fino ad arrivare al punto di massima estensione del gomito, per poi man mano risalire lentamente agendo attraverso una flessione passiva nella fase eccentrica.

Analizzando la fase negativa l’avambraccio viene leggermente flesso sul braccio fino a 120 gradi max 130 per consentire il massimo allungamento possibile del tricipite all’inserzione. Le ginocchia durante l’esecuzione di tutto l’esercizio devono tassativamente restare piegate, il corpo va tenuto rigido con la lordosi lombare posta in maniera fisiologica, mentre per quanto riguarda i gomiti vanno tenuti stretti e ben fermi ai fianchi cosi da sentir lavorare al massimo il muscolo tricipite.

Con quali prese è possibile eseguire l’esercizio?

Di solito il pushdown si può eseguire con tre geni di prese diverse fra loro, ovvero:

  • Supina;
  • Neutra;
  • Prona.

La più classica di tutte è ovviamente la o semi-prona o prona con barra rispettivamente a V o dritta. Parlando invece della presa neutra si utilizza con la corda, mentre quella supina con la barra orizzontale.

Pushdown: quali sono i muscoli coinvolti?

I muscoli che vengono coinvolti maggiormente nell’esecuzione del pushdown sono il tricipite brachiale e l’anconeo. Ovviamente vengono coinvolti anche altri muscoli in maniera isometrica nel tenere i gomiti stretti ai fianchi, i diversi estensori delle spalle.

Se avete difficoltà ad eseguire il pushdown vi consigliamo vivamente di seguire il filmato presente qui sotto dove viene spiegata scrupolosamente l’esecuzione corretta:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *